Icon Nothing Found

Purtroppo nessun risultato

Trovate il prodotto giusto nel luogo più vicino a voi Farmacia o farmacia o in un Negozio online.

Allergie e febbre da fieno

Allergia al latte vaccino o intolleranza al lattosio?

Introduzione al tema dell’allergia al latte vaccino

L’allergia al latte vaccino è una problematica complessa e spesso poco equivocata che richiede una comprensione differenziata, soprattutto perché tende a essere confusa con l’intolleranza al lattosio, benché le due condizioni siano chiaramente diverse all’origine.  
 
L’allergia al latte vaccino è una reazione di difesa dell’organismo a una o più proteine presenti nel latte vaccino: in genere, caseina, albumina e lattoglobulina. È questo aspetto che la distingue in modo netto dall’intolleranza al lattosio: in questo caso, il lattosio contenuto nel latte non viene scisso correttamente a causa della carenza o della scarsità dell’enzima lattasi che è necessario a questo scopo.  
 
I sintomi di un’allergia al latte vaccino possono includere eruzioni cutanee, diarrea, vomito o problemi respiratori, mentre l’intolleranza al lattosio provoca in genere flatulenza, diarrea e dolore addominale. Distinguere tra le due condizioni è importante per poter scegliere il trattamento corretto. 
 
Occorre innanzitutto rivolgersi a uno specialista per una diagnosi professionale. Test allergici effettuati presso ambulatori/laboratori, test cutanei o esami del sangue possono indirizzare la diagnosi verso un’eventuale allergia al latte vaccino. Per accertare un’intolleranza al lattosio è possibile effettuare l’analisi dell’esalato o un test di tolleranza al lattosio. 
 
Nel trattamento dell’allergia al latte vaccino è essenziale evitare il latte vaccino e i prodotti che lo contengono. In alternativa si può optare per prodotti a base di latte di soia, riso, avena o mandorla. Per coloro che sono intolleranti al lattosio, in alcuni casi l’assunzione di lattasi in compresse può aiutare a compensare la carenza di questo enzima e ad alleviare i sintomi. 
 
È importante tenere presente che l’allergia al latte vaccino e l’intolleranza al lattosio sono condizioni mediche diverse che richiedono una gestione personalizzata. Le persone interessate dovrebbero consultare un medico o un nutrizionista specializzato per individuare l’approccio di gestione più adatto. Teoricamente, l’intolleranza non impedisce una dieta equilibrata e sana. 

Differenza tra allergia al latte vaccino e intolleranza al lattosio

Quando si parla di allergia al latte vaccino, è essenziale distinguerla dall’intolleranza al lattosio. Le due condizioni vengono spesso confuse, sebbene abbiano effetti e cause fondamentalmente diversi. 
 
L’allergia al latte vaccino è una reazione di difesa del sistema immunitario che si presenta immediatamente dopo il consumo di prodotti a base di latte vaccino. La persona ha una reazione allergica a una o più proteine del latte vaccino, come la caseina o il siero di latte. I sintomi possono includere reazioni cutanee come prurito ed eruzione cutanea, problemi gastrointestinali come diarrea o vomito e, nei casi gravi, persino problemi respiratori. Molto raramente può verificarsi uno shock anafilattico, che è pericoloso per la vita. 
 
Per contro, l’intolleranza al lattosio non è un’allergia. È dovuta alla carenza di lattasi, un enzima responsabile della digestione del lattosio, uno zucchero presente nel latte. Le persone intolleranti al lattosio che consumano prodotti contenenti latte hanno sintomi come dolore addominale, flatulenza, diarrea e nausea. Tuttavia, a differenza dell’allergia al latte vaccino l’intolleranza al lattosio non è mai pericolosa per la vita. 
 
Distinguere tra allergia al latte vaccino e intolleranza al lattosio è fondamentale per scegliere il giusto metodo di trattamento. Nel caso dell’allergia al latte vaccino, la soluzione più efficace è evitare del tutto il latte e i prodotti lattiero-caseari, mentre per coloro che sono intolleranti al lattosio è consigliabile includere nella dieta prodotti privi di lattosio o assumere compresse di lattasi prima di consumare alimenti contenenti lattosio. 
 
In conclusione, si può affermare che una diagnosi dettagliata e attenta da parte di un medico specialista è essenziale per distinguere tra allergia al latte vaccino e intolleranza al lattosio, al fine di determinare la strategia di trattamento appropriata. L’autodiagnosi o l’autointerpretazione dei sintomi possono portare a interpretazioni errate e a trattamenti inefficaci. Pur essendo molto diverse, entrambe le condizioni richiedono aggiustamenti dietetici per condurre una vita sana e libera da sintomi. 

Cause e fattori di rischio dell’allergia al latte vaccino

L’allergia al latte vaccino o alle proteine del latte vaccino è una forma di allergia alimentare che si presenta soprattutto nei neonati e nei bambini piccoli. Le cause scatenanti e i fattori di rischio di questa allergia possono essere molto diversi e spesso è presente una predisposizione genetica. 
 
Un fattore chiave nello sviluppo di quest’allergia è l’esposizione precoce al latte vaccino. Studi dimostrano un rischio elevato di allergia al latte vaccino nei lattanti che ricevono latte vaccino nei primi mesi di vita. Ciò è probabilmente dovuto all’immaturità del sistema immunitario a questa età, che non è ancora in grado di riconoscere come innocue le proteine contenute nel latte vaccino. 
 
Anche i fattori genetici giocano un ruolo importante. I bambini figli di genitori o con fratelli soffrono di allergie, asma o raffreddore da fieno sono più a rischio di sviluppare un’allergia al latte vaccino. In generale, il sistema immunitario di questi bambini sembra avere una reazione più marcata agli allergeni. 
 
Altri fattori di rischio possono essere il parto prematuro, un basso peso alla nascita e il fumo durante la gravidanza. Anche alcune malattie, come la neurodermite o altre malattie cutanee, possono aumentare il rischio di allergia al latte vaccino. 
 
Sebbene questa allergia venga generalmente riconosciuta nel primo anno di vita, può manifestarsi anche più tardi. Tuttavia, è rara negli adulti e colpisce soprattutto le persone che per motivi professionali entrano a contatto con il latte vaccino o con prodotti che lo contengono, ad esempio panettieri o pasticceri. 
 
È importante prestare seria considerazione ai segni e sintomi di questa allergia ed eventualmente consultare un medico o un allergologo. Se l’allergia viene confermata, può essere utile informarsi e chiedere consigli su come gestire l’allergia in modo responsabile, oltre a suggerimenti pratici per la vita quotidiana, dal momento che, per quanto complicata, può essere gestita abilmente con le giuste indicazioni. 

Sintomi e diagnosi dell’allergia al latte vaccino

L’allergia al latte vaccino è una reazione eccessiva del sistema immunitario a determinate proteine del latte vaccino. I sintomi possono essere vari e di intensità da lieve a grave. Mentre in alcune persone la reazione allergica si presenta poco dopo aver consumato latte vaccino, in altri casi i sintomi possono comparire solo a distanza di ore o addirittura di giorni. 
 
I sintomi più comuni di un’allergia al latte vaccino comprendono eruzioni cutanee, prurito, nausea, vomito, diarrea e difficoltà respiratorie. Nei neonati e nei bambini piccoli possono presentarsi ritardo della crescita, vomito, diarrea e segni di irrequietezza o irritabilità. Nei casi gravi, l’allergia al latte vaccino può provocare shock anafilattico, una reazione pericolosa per la vita che richiede un trattamento medico immediato. 
 
Di norma l’allergia al latte vaccino viene diagnosticata sulla base dei sintomi e della storia medica precedente del paziente. Se si sospetta un’allergia al latte vaccino, il medico può eseguire un prick test cutaneo o un esame del sangue per verificare la reazione del sistema immunitario alle proteine del latte vaccino. Nei neonati e nei bambini piccoli può essere utile provare una dieta di eliminazione, che consiste nel rimuovere il latte vaccino dall’alimentazione per poi reintrodurlo e vedere se i sintomi si ripresentano. 
 
È importante notare che l’allergia al latte vaccino e l’intolleranza al lattosio non sono la stessa cosa. Come suggerisce la parola, l’intolleranza è un disturbo digestivo dovuto all’incapacità dell’organismo di scomporre il lattosio, uno zucchero contenuto nei prodotti lattiero-caseari. L’allergia, invece, è molto più grave. Sebbene le due condizioni possano avere sintomi simili, differiscono per le cause sottostanti e per le opzioni di trattamento. 
 
Per gestire efficacemente un’allergia al latte vaccino, è importante eliminare dalla dieta sia il latte vaccino che i suoi derivati. Ciò può non essere facile, perché molti alimenti contengono componenti lattici «nascosti». È quindi buona pratica leggere attentamente le etichette ed eventualmente rivolgersi a un nutrizionista. Nei casi gravi, può essere necessaria una formula speciale ipoallergenica. È inoltre consigliabile avere sempre pronto un kit di emergenza per intervenire immediatamente nel caso di una reazione allergica grave.  
 
Occorre informare il proprio medico di tutti i possibili sintomi allergici in modo da ricevere una diagnosi e un trattamento appropriati. 

FAQ per l’allergia al latte vaccino

  1. Che cos'è l’allergia al latte vaccino?
    L’allergia al latte vaccino è una reazione del sistema immunitario alle proteine del latte vaccino. Il sistema immunitario riconosce queste proteine come pericolosi intrusi e reagisce con vari sintomi.
  2. Come si manifesta l’allergia al latte vaccino?
    I sintomi di un’allergia al latte vaccino possono essere vari e spaziano da problemi digestivi come dolore addominale, nausea e diarrea a reazioni cutanee come prurito, eczema e arrossamenti fino a disturbi respiratori come tosse, raffreddore e asma.
  3. Come viene diagnosticata l’allergia al latte vaccino?
    L’allergia al latte vaccino viene generalmente diagnosticata mediante un test allergico. Per la diagnosi si utilizzano vari metodi, come test cutanei, esami del sangue e diete di eliminazione.
  4. Quali alimenti occorre evitare in presenza di un’allergia al latte vaccino?
    Se si è allergici al latte vaccino, è necessario evitare tutti gli alimenti che lo contengono o i suoi componenti, quindi sia prodotti come latte, yogurt e formaggio, sia (molti) alimenti trasformati come prodotti da forno, dolci e piatti pronti, che spesso contengono componenti lattici.
  5. Vi sono alternative al latte vaccino?
    Sì, vi sono diverse alternative al latte vaccino adatte alle persone allergiche e includono alternative a base di latti vegetali come il latte di mandorla, il latte di soia, il latte di avena o il latte di riso. Questi prodotti sono disponibili nella maggior parte dei supermercati e possono essere utilizzati anche per cucinare e cuocere al forno.
  6. L’allergia al latte vaccino dura tutta la vita?
    Nella maggior parte dei bambini, l'allergia al latte vaccino scompare con il tempo ma in alcuni casi resta a vita. È importante effettuare controlli medici regolari per determinare se l’allergia al latte vaccino sia ancora presente o se sia scomparsa con la crescita.

Opzioni per il trattamento e la terapia dell’allergia al latte vaccino

Benché l’allergia al latte vaccino sia complicata nella gestione, soprattutto nei bambini, vi sono vari modi per trattarla e gestirla. Il metodo valido nel caso specifico dipende dalla gravità e dal tipo di allergia. I potenziali approcci utili sono cinque.

  • Evitare il latte vaccino: l’obiettivo ultima di una dieta di eliminazione è evitare qualsiasi contatto con le proteine del latte vaccino, quindi tutti gli alimenti trasformati contenenti latte vaccino. Tuttavia, è consigliabile farlo sotto la supervisione di un allergologo o di un nutrizionista in modo da continuare a seguire una dieta equilibrata.
  • Prodotti sostitutivi: per le persone allergiche al latte vaccino sono disponibili alternative alimentari prive di latticini come ad esempio latte di soia, di mandorla e di avena. Tuttavia, è importante scegliere alimenti arricchiti per garantire che non manchino nutrienti necessari come il calcio e la vitamina D.
  • Desensibilizzazione: a volte può essere utile introdurre nell’organismo piccole quantità della sostanza allergizzante per aumentare la soglia di tolleranza. Nel caso di un’allergia al latte vaccino, può trattarsi della somministrazione controllata di prodotti lattiero-caseari. Tuttavia, questa operazione deve sempre essere effettuata sotto controllo medico.
  • Terapia farmacologica: in alcuni casi, per controllare le reazioni allergiche si possono usare antistaminici o corticosteroidi. Questi medicamenti alleviano i sintomi ma non curano l’allergia in sé e non devono essere considerati l’unica forma di trattamento.
  • Informazione e consapevolezza: per la gestione di un’allergia al latte vaccino è necessario conoscere la condizione. È bene informarsi sugli ingredienti degli alimenti e su quali prodotti potrebbero contenere latte vaccino.

Questi cinque approcci forniscono una solida base per il trattamento e la terapia dell’allergia al latte vaccino. È importante considerare le esigenze e le circostanze individuali e, se necessario, richiedere un consulto medico professionale.

Convivere con l’allergia al latte vaccino: consigli nutrizionali e alternative al latte vaccino

Convivere con un’allergia al latte vaccino può essere complicato, poiché molti alimenti di uso quotidiano contengono latte vaccino. Tuttavia, un’attenta pianificazione e la conoscenza di alternative adeguate possono semplificare notevolmente la vita quotidiana.

Per la gestione dell’allergia al latte vaccino è essenziale leggere le etichette degli alimenti. In molti prodotti «insospettabili» possono essere presenti componenti lattici, tra cui prodotti ovvi come yogurt e formaggi, ma anche insaccati, piatti pronti e prodotti da forno.

Oggi sul mercato esistono molte alternative senza latticini. I latti vegetali a base di soia, mandorle, avena o riso sono un’ottima alternativa al latte vaccino, ma in questo caso occorre fare attenzione all’aggiunta di zucchero o di altri ingredienti indesiderati.

Anche lo yogurt senza latticini prodotto con latte vegetale può essere una buona opzione. Va tenuto presente che non tutti i prodotti alternativi sono adatti alle persone allergiche al latte, dal momento che alcuni possono sempre contenere tracce di latte. Occorre controllare sempre gli ingredienti prima dell’acquisto.

Per cucinare e cuocere al forno è possibile sostituire il latte vaccino con latte vegetale. Anche in questo caso è necessario scegliere con una certa attenzione la giusta alternativa, poiché il sapore dei diversi latti vegetali può variare notevolmente. È consigliabile dunque fare qualche prova fino a trovare l’alternativa più adatta per sé.

Se ci si reca a pranzo o a cena fuori, è bene di informare in anticipo il ristorante della propria allergia. La maggior parte delle strutture di ristorazione è abituata a simili richieste ed è in grado di soddisfarle.

È importante ricordare che le normative per l’etichettatura degli alimenti variano nel mondo, questa informazione è utile in vista di possibili viaggi all’estero. Prima di partire, è bene familiarizzare con gli standard locali e le denominazioni dei prodotti.

Riassumendo possiamo dire che l’allergia al latte vaccino non impedisce una dieta equilibrata e appetibile. Ricorrendo ad alternative senza latticini e a una scelta consapevole degli alimenti è possibile seguire una dieta sana e sicura. Per assicurarsi di assumere tutti i nutrienti necessari, può essere utile rivolgersi a un nutrizionista.

Effetti dell’allergia al latte vaccino sulla qualità della vita e sulla salute psichica

L’allergia al latte vaccino può avere un impatto significativo sulla qualità della vita e sulla salute psichica delle persone. La costante esclusione di alimenti contenenti latte e il timore continuo di consumare accidentalmente prodotti contenenti latte vaccino possono influire sul benessere generale e causare stress.

Nei bambini, l’allergia al latte vaccino può anche compromettere la crescita e bloccare lo sviluppo. La carenza di nutrienti essenziali presenti nel latte vaccino, come il calcio e la vitamina D, può causare ritardo nella crescita, debolezza ossea e altri problemi di salute. È quindi importante consultare il pediatra o un nutrizionista per trovare alternative che soddisfino il fabbisogno nutrizionale.

L’allergia al latte vaccino può anche essere causa di limitazioni sociali, in quanto la persona potrebbe avere problemi durante un pranzo conviviale o altre uscite. Ciò può creare una sensazione di isolamento e compromettere la fiducia in se stessi. È utile che la persona allergica informi amici, familiari e colleghi dell’allergia in modo che possano tenere presente le sue specifiche esigenze alimentari.

Un’intolleranza a un alimento di uso quotidiano come il latte vaccino può causare anche stress psicologico. Una gestione mirata dello stress può aiutare ad affrontare meglio la situazione dal punto di vista mentale. Tecniche di rilassamento come lo yoga, la meditazione o gli esercizi di respirazione possono avere un effetto positivo sulla salute psichica.

In ultima analisi, è importante rivolgersi a personale medico qualificato e trovare una dieta personalizzata che soddisfi le esigenze individuali. Le alternative al latte vaccino permettono di mantenere una dieta equilibrata e migliorare il proprio benessere generale anche se si è allergici al latte vaccino. Con un piano dietetico ben studiato e il supporto di una consulenza medica è possibile minimizzare gli effetti dell’allergia al latte vaccino sulla qualità della vita e sulla salute psichica.

Riepilogo e consigli pratici per la gestione dell’allergia al latte vaccino

È importante conoscere e saper distinguere l’allergia al latte vaccino e l’intolleranza al lattosio, poiché queste due condizioni vengono spesso confuse, sebbene differiscano per cause e trattamenti.

Nell’allergia al latte vaccino, il sistema immunitario reagisce ad alcuni componenti delle proteine del latte, mentre l’intolleranza al lattosio indica l’incapacità dell’organismo di digerire il lattosio, lo zucchero contenuto nel latte vaccino.

L’allergia al latte vaccino può essere complicata da gestire, poiché richiede molti adattamenti dietetici. Per ridurre al minimo le reazioni allergiche, è consigliabile evitare tutti gli alimenti contenenti latte. Questo può significare dover passare a prodotti lattiero-caseari alternativi come il latte di mandorla, di soia o di avena.

È bene fare attenzione anche ai latticini «nascosti». Molti alimenti trasformati come ad esempio pane, insaccati o piatti pronti possono contenere tracce di proteine del latte. È quindi importante leggere attentamente l’elenco degli ingredienti prima di acquistare un prodotto.

È importante anche informare le persone con le quali si vive a stretto contatto o si hanno contatti stretti come familiari, amici e colleghi, spiegando loro cosa possono fare per aiutare, e specificare bene anche una minima quantità di latte vaccino può scatenare una reazione allergica.

Chiunque soffra di allergia al latte vaccino dovrebbe avere sempre con sé un kit di emergenza con medicamenti da usare in caso di grave reazione allergica. Il proprio medico può fornire indicazioni su cosa inserire in questo kit di emergenza.

Tutte le misure suggerite possono ridurre il rischio di reazioni allergiche. Tuttavia, l’allergia al latte vaccino è una condizione seria per la quale occorre consultare un medico. Pertanto, se si pensa di avere un’allergia al latte vaccino o per chiarimenti sulla diagnosi già ricevuta, è sempre bene consultare un medico.

Concludendo, si può affermare che una buona conoscenza e una gestione proattiva dell’allergia al latte vaccino possono semplificare la vita quotidiana. Sono soprattutto utili gli aggiustamenti dietetici mirati. Prestate sempre seria considerazione alle vostre preoccupazioni e ai vostri sintomi e consultate un medico.

Zusammenfassung und praktische Ratschläge für den Umgang mit Kuhmilchallergie

Es ist wichtig, ein differenziertes Verständnis der Kuhmilchallergie und der Laktoseintoleranz zu haben, da diese beiden Bedingungen oft verwechselt werden, obwohl sie sich in Bezug auf ihre Ursachen und Behandlungen unterscheiden.

Bei einer Kuhmilchallergie reagiert das Immunsystem auf einige Bestandteile des Milcheiweisses, während eine Laktoseintoleranz die Unfähigkeit des Körpers ist, den in der Kuhmilch enthaltenen Zucker, Laktose, zu verdauen.

Der Umgang mit Kuhmilchallergie kann eine Herausforderung sein, da sie viele Diät-Anpassungen erfordert. Um Ihre allergischen Reaktionen zu minimieren, ist es ratsam, alle milchhaltigen Lebensmittel zu vermeiden. Dies kann bedeuten, dass Sie auf alternative Milchprodukte wie Mandel-, Soja- oder Hafermilch umsteigen müssen.

Auch bei versteckten Milchprodukten ist Vorsicht geboten. Viele verarbeitete Lebensmittel, wie z.B. Brot, Wurstwaren oder Fertiggerichte, können Spuren von Milcheiweiss enthalten. Es ist daher wichtig, die Zutatenliste sorgfältig zu lesen, bevor Sie ein Produkt kaufen.

Eine weitere wichtige Massnahme ist die Aufklärung Ihrer Umgebung. Informieren Sie Ihre Familie, Freunde und Kollegen über Ihre Kuhmilchallergie und erklären Sie ihnen, welche Massnahmen sie ergreifen können, um Ihnen zu helfen. Machen Sie deutlich, dass selbst kleinste Mengen Kuhmilch eine allergische Reaktion auslösen können.

Wer unter einer Kuhmilchallergie leidet, sollte immer ein Allergie-Notfallset bei sich haben. Dieses Set enthält Medikamente, die im Falle einer schweren allergischen Reaktion zum Einsatz kommen können. Besprechen Sie mit Ihrem Arzt, was genau in Ihrem Notfallset enthalten sein sollte.

Alle diese Massnahmen können das Risiko einer allergischen Reaktion reduzieren. Dennoch ist eine Kuhmilchallergie eine ernsthafte Erkrankung, die eine medizinische Beratung erfordert. Wenden Sie sich daher immer an einen Gesundheitsdienstleister, wenn Sie glauben, dass Sie unter einer Kuhmilchallergie leiden könnten, oder wenn Sie Fragen zu Ihrer bestehenden Diagnose haben.

Zusammenfassend lässt sich sagen, dass das Verständnis und der proaktive Umgang mit Kuhmilchallergie den Lebensalltag erleichtern können. Gerade durch gezielte Ernährungsanpassungen kann der Umgang mit der Allergie gut bewältigt werden. Nehmen Sie Ihre Bedenken und Symptome immer ernst und suchen Sie medizinische Beratung.

Anche questo potrebbe interessarli

Adler Allergie

Forti con le allergie!

Medicamento

OMNi-BiOTiC 6

Il tuttofare per l’intestino

Integratore alimentare

Stilex Gel

Calma il dolore e rinfresca

Medicamento

Sanadermil Idrocrema

Utile in caso di irritazioni cutanee

Medicamento

Tutto sull'argomento Allergie e febbre da fieno

Bild Raffreddore da fieno? Contenuto della farmacia da viaggio!

27. aprile 2020

Raffreddore da fieno? Contenuto della...

Alcuni consigli per chi soffre di raffreddore da fieno e vuole viaggiare. Portate con voi in vacanza una quantità sufficiente di farmaci....

Bild Le 7 principali piante allergeniche

25. febbraio 2021

Le 7 principali piante allergeniche

Schede sulle 7 principali piante allergeniche: periodo di fioritura, diffusione, Allergenicità e reazioni crociate.

Bild Raffreddore da fieno – cosa è di in caso di allergia ai pollini!

02. maggio 2024

Raffreddore da fieno – cosa è di in...

Il raffreddore da fieno è fastidioso! Continuate a leggere per scoprire cosa è utile contro i pollini e l’allergia.

Bild Calendario pollinico Svizzera

26. febbraio 2021

Calendario pollinico Svizzera

Volete sapere cos'è il polline che vola? Il calendario dei pollini fornisce una panoramica delle piante allergeniche più importanti, il...

Bild Visitare la Svizzera in compagnia del raffreddore da fieno

19. marzo 2021

Visitare la Svizzera in compagnia del...

Il periodo da marzo a luglio è generalmente il periodo più ricco di pollini. Seguono alcuni consigli per coloro che soffrono di...

Bild Cartine della carica pollinica per l’Europa

27. aprile 2020

Cartine della carica pollinica per...

Rund 300 Messstationen in Europa und viele Erfahrungswerte aus den letzten Jahren liefern die Datenbasis für die europäischen...

Bild Coronavirus o raffreddore da fieno? Le differenze tra i sintomi

21. aprile 2021

Coronavirus o raffreddore da fieno? Le...

Oggigiorno, con il coronavirus, se una persona starnutisce, molti si allarmano e si spostano immediatamente pensando a un’infezione da...

Bild Vacanze in Europa senza raffreddore da fieno

24. febbraio 2021

Vacanze in Europa senza raffreddore da...

Alcuni consigli per chi soffre di febbre da fieno e vuole viaggiare: Quale polline vola di più in Europa in quale periodo dell'anno? Una...

Bild Allergie in casa e nella vita quotidiana – I principali fatti e consigli

06. aprile 2022

Allergie in casa e nella vita quotidiana...

Continuate a leggere per scoprire quali allergie si annidano nella vostra casa, quali sintomi provocano e quali trattamenti sono indicati...

Altri mondi della salute che potrebbero interessarvi.

Herpes labiale e afte

Protezione contro gli insetti

Allergie e febbre da fieno

Cosa ti interessa? Provate VERFORA da vicino.
Passo 1/3

Sani oggi - e non malati domani. Con VERFORA.

Sono interessato ai prodotti e alla salute

Vorrei lavorare con o a VERFORA

Scriveteci

Grazie mille, la vostra posta è stata spedita con successo!

Attenzione: state lasciando verfora.ch

State lasciando il sito di VERFORA AG per accedere a siti web esterni di terzi sui cui contenuti non abbiamo alcuna influenza. Pertanto, non possiamo assumerci alcuna responsabilità per questi contenuti esterni. Il rispettivo fornitore o gestore delle pagine è sempre responsabile del contenuto delle pagine collegate. Al momento del collegamento, non è stato identificato alcun contenuto illegale nelle pagine collegate.