Raffreddamento, Raffreddore & co.

Febbre – Il sistema immunitario è al lavoro

Che cos’è la febbre?

Normalmente la temperatura corporea interna di una persona è compresa tra 36° e 37° Celsius.

Solo a partire da una temperatura di 38° si parla di febbre. È normale che la temperatura corporea aumenti, perché la febbre è una reazione del nostro sistema immunitario. Tra le cause vi sono perlopiù infezioni da batteri, virus, parassiti o altri agenti patogeni.

I segni tipici sono una pelle secca e calda, i cosiddetti occhi lucidi febbricitanti o una maggiore sensazione di sete. Una panoramica della temperatura:

A cosa prestare attenzione

È l’organismo che mette in moto spontaneamente il processo della febbre perché, grazie al calore, batteri e virus non sono più in grado di moltiplicarsi così rapidamente mentre certi processi di difesa immunitaria accelerano. Per questa ragione non si dovrebbe fare ricorso troppo rapidamente ad antipiretici.

Cosa è utile fare in caso di febbre

Poiché la febbre è un sintomo, la cosa migliore da fare è intervenire sulla o sulle cause. Se l’infezione viene combattuta con successo, la febbre scompare perlopiù automaticamente. Esistono anche agenti antipiretici che svolgono contemporaneamente un effetto antinfiammatorio. Tuttavia, in caso di febbre, è consigliabile restare a letto, bere molto e riscaldare i piedi freddi. A temperature comprese tra 39 e 40° possono essere utili anche impacchi di acqua fredda sui polpacci, ma soltanto in assenza di brividi.

Sintomi in caso di Covid-19

Uno dei primi sintomi di contagio con il nuovo coronavirus è la febbre. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la malattia si manifesta mediamente cinque giorni dopo un’infezione. Se ci si accorge di stare poco bene, si deve rimanere a casa, come indicato dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sul suo sito web. Se compare un sintomo tipico, è bene contattare telefonicamente un medico o effettuare l’Autovalutazione sul coronavirus dell’UFSP (online) per comprendere se sia il caso di effettuare un test per il coronavirus. Con un risultato positivo è necessario restare in isolamento finché non si è guariti.

Febbre nei bambini

La febbre compare più frequentemente nei bambini che gli adulti. Anche in questo caso il valore di riferimento è 38°C. È importante tenere sotto controllo le condizioni generali del bambino e monitorare lo sviluppo di ulteriori sintomi. In caso di febbre, i neonati devono essere visitati quanto prima da un medico.

Quando consultare il medico?

La febbre è solitamente accompagnata da altri sintomi come, ad esempio, dolori articolari, stanchezza, tosse o vomito. Se la febbre alta dura più di un giorno, è consigliabile consultare un medico. Ciò vale anche per altri disturbi come convulsioni febbrile o stordimento. Per i neonati, è bene consultare un medico già a partire da una temperatura di 38°C.

Anche questo potrebbe interessarli

Algifor Liquid caps 400

Riduce il mal di testa, Ibuprofene in forma liquida

Algifor Dolo forte

Riduce il dolore e la febbre

Algifor Dolo Junior

Riduce il mal di testa e la febbre ai bambini

Algifor-L Compresse filmate e granulato

Allevia la febbre, il mal di testa e i dolori articolari

Tutto sull'argomento Raffreddamento, Raffreddore & co.

Influenza o raffreddore?

Entrambe sono malattie virali, ma differiscono nel corso dei sintomi.

Maggiori infor

Raffreddore – Intervista con Katrin Biedermann, farmacista

«farmacie e drogherie hanno ciò che serve per portare sollievo»

Maggiori infor

Con l’autunno viene a trovarci il raffreddore

Puntualmente, con l’arrivo della stagione fredda, il naso inizia a gocciolare. Ma quanto ha a che fare il raffreddore con il freddo? Per approfondire questa e altre curiosità, proseguite la lettura.

Maggiori infor

C’è raffreddore e raffreddore

Naso gocciolante e bisogno di starnutire spesso: questi sono in genere i primi segni di un raffreddore, che a sua volta preannuncia un raffreddamento. Ma attenzione: c’è raffreddore e raffreddore.

Maggiori infor

Congestione dei seni paranasali

Mal di testa, naso chiuso e una spiacevole pressione sulla fronte e sulle guance: questi sono i segni tipici di un’infiammazione dei seni paranasali, nota anche come sinusite, dovuta a un accumulo di secrezioni nei canali che collegano i seni nasali e paranasali.

Maggiori infor

Tosse – un’irritazione delle vie respiratorie

«Abbaiante», sibilante o con espettorato: la tosse si manifesta in molte forme e come riflesso corporeo è generalmente innocua. Per approfondire l’argomento, proseguite la lettura.

Maggiori infor

Proteggete il vostro naso con una prevenzione efficace

Controllo preventivo dei virus grazie alla regolare igiene nasale

Maggiori infor

Rinite secca – quando il naso è troppo asciutto

Si accende il riscaldamento e il naso si secca. Proseguite la lettura per sapere perché ciò accade e come si può prevenire questa situazione.

Maggiori infor

Altri mondi della salute che potrebbero interessarvi.

Periodo estivo

Disinfezione delle ferite & guarigione delle ferite

Spagyros

Cosa ti interessa? Provate VERFORA da vicino.
Passo 1/3

Sani oggi - e non malati domani. Con VERFORA.

produkte-gesundheit

Sono interessato ai prodotti e alla salute

zusammenarbeit

Vorrei lavorare con o a VERFORA