Icon Nothing Found

Purtroppo nessun risultato

Trovate il prodotto giusto nel luogo più vicino a voi Farmacia o farmacia o in un Negozio online.

Dolori

Trovare sollievo dai disturbi mestruali – consigli e aiuto

Per molte donne i disturbi mestruali e i dolori mestruali sono un fastidioso appuntamento fisso una volta al mese. Alcune arrivano a sentirsi del tutto K.O. In Svizzera, per le donne che soffrono di forti dolori mestruali si sta valutando se introdurre un permesso dal lavoro fino a cinque giorni, cioè una sorta di «congedo mestruale». Qualcosa di simile in ambito giuridico esiste già in Paesi come il Giappone.

Disturbi mestruali – dalla tensione a livello di basso ventre all’irritabilità

Molte donne conoscono bene quel fastidioso malessere che accompagna il ciclo mensile. Può trattarsi di sintomi fisici estremamente spiacevoli come ad esempio:

  • dolore al basso ventre: tensione nella parte bassa dell’addome, mal di pancia e crampi addominali
  • mal di testa
  • mal di schiena
  • dolori alle gambe
  • inappetenza
  • nausea e vomito
  • diarrea
  • debolezza fisica generale
  • disturbi del sonno

Il ciclo mestruale incide negativamente anche sullo stato psichico di molte donne, che manifestano sbalzi d’umore, nervosismo, irritabilità, aggressività o depressione.

I disturbi mestruali interessano soprattutto le donne più giovani

I disturbi mestruali come i dolori al basso ventre sono molto comuni: durante il ciclo, ragazze e donne adulte avvertono generalmente dolori più o meno intensi, che vanno da una leggera tensione a forti crampi nell’area del basso ventre. Su dieci donne, circa una ha disturbi tali da dover mettere in pausa la propria vita ogni mese per alcuni giorni. Nelle donne sotto i 20 anni i dolori al basso ventre e i crampi addominali sono significativamente più frequenti rispetto alle altre donne.

I disturbi mestruali variano da donna a donna e possono differire anche in termini di intensità. Lo stesso vale per i sintomi che non soltanto cambiano di mese in mese sia nel tipo che nell’intensità, ma che possono variare da un ciclo all’altro nella stessa persona. Se alcune donne se la cavano bene e si adattano, altre riescono a malapena o non riescono più ad vivere la loro quotidianità. Ogni donna, avendo una diversa sensibilità al dolore, lo tollera in modo diverso.

Dolori mestruali primari e secondari

I dolori mestruali possono avere cause diverse. In alcuni casi, la «colpa» è solo delle mestruazioni; in altri, possono essere implicate delle malattie. In ambito medico si distingue quindi tra dolori mestruali primari e secondari, a seconda della causa.

Dolori mestruali primari (dismenorrea)

I dolori mestruali primari, o dismenorrea in termini medici, sono dovuti esclusivamente alle contrazioni dell’utero, di cui sono responsabili degli ormoni, le cosiddette prostaglandine. Si tratta di speciali ormoni tissutali prodotti dalle cellule dell’endometrio. Le prostaglandine regolano anche la tensione della muscolatura liscia e influenzano la sensazione di dolore. Intensificano la percezione del dolore, pertanto agiscono come «messaggeri del dolore» nell’organismo. Si suppone che durante le mestruazioni il corpo produca troppe prostaglandine o reagisca in modo particolarmente sensibile a queste sostanze messaggere.

A ogni ciclo, l’endometrio si ispessisce e si prepara ad accogliere un ovulo fecondato. Tuttavia, se l’ovulo fecondato non si annida, la mucosa viene espulsa con le mestruazioni. Le prostaglandine fanno sì che la muscolatura uterina si contragga regolarmente. Ciò provoca il distacco dell’endometrio, se non è avvenuta la fecondazione, e la sua espulsione. E questi processi nel basso ventre possono causare forti dolori o crampi addominali.

I dolori mestruali primari e i cicli irregolari, così come un sanguinamento mestruale abbondante, sono più comuni nelle donne sotto i 30 anni. Tuttavia, anche la presenza di una predisposizione familiare, lo stress, una condizione di sottopeso, la mancanza di sonno e il fumo possono in alcuni casi favorire la comparsa dei dolori mestruali primari.

Dolori mestruali secondari

A differenza della dismenorrea, i dolori mestruali secondari sono dovuti a una causa organica. Ad esempio, i tumori benigni dell’utero, quali miomi o polipi, possono provocare dolori al basso ventre. Un altro responsabile dei disturbi mestruali può essere l’endometriosi, una condizione in cui frammenti di endometrio finiscono nella muscolatura uterina o esternamente all’utero nella cavità addominale. L’endometriosi scatena tipicamente dolori molto forti, perché il passaggio di frammenti di tessuto si ha anche in ciclo mestruale del tutto normale.

Sindrome premestruale

Anche la sindrome premestruale (PMS) è annoverata tra i disturbi mestruali. Nei giorni che precedono il ciclo, le donne sviluppano tutta una serie di sintomi fisici e psicologici diversi: tensione e dolore mammari, dolori al basso ventre e mal di testa, tristezza o irritabilità, senso di gonfiore e spesso senso di malessere generale. Quando la sindrome premestruale è molto forte, con un impatto significativo sulla psiche, ed è associata a depressione e sentimenti di ansia, gli specialisti parlano di disturbo disforico premestruale (PMDS).

Disturbi mestruali: fattori ad impatto negativo

Conosciamo alcuni fattori che possono accentuare ulteriormente i dolori mestruali e i disturbi mestruali: ad esempio, stress, stanchezza o mancanza di sonno. E questi spiegano perché il ciclo mestruale può essere più antipatico un mese rispetto a un altro. Anche una condizione di sovrappeso o sottopeso può incidere negativamente, perché i chili di troppo alterano l’equilibrio ormonale.

Senza dimenticare l’età: in genere, nei primi due anni dopo l’inizio delle mestruazioni i dolori mestruali sono più presenti. Il ciclo mestruale impiega un po’ di tempo per stabilizzarsi. Di solito i disturbi migliorano con l’età. E per molte donne cessano dopo un parto.

Trovare sollievo dai disturbi mestruali: cosa è utile?

Non si è obbligate a sopportare i dolori mestruali accettandoli come un fatto «naturale». Ciò vale soprattutto se quegli odiosi sintomi rappresentano un importante fattore di disturbo della vita quotidiana. Si può provare in diversi modi a gestire il dolore al basso ventre e i crampi addominali.

Medicamenti contro i dolori mestruali

L’uso di antidolorifici in caso di dolori mestruali è ben consolidato. In genere vengono utilizzati principi attivi appartenenti al gruppo degli antinfiammatori non steroidei (FANS), che hanno un effetto analgesico, antinfiammatorio e antipiretico. Ne fanno parte ad esempio l’ibuprofene, il diclofenac o il naprossene.

Gli antidolorifici inducono l’organismo a produrre meno prostaglandine, quindi anche i dolori diminuiscono. I FANS sono generalmente ben tollerati. Se i dolori mestruali sono forti, i medici ne consigliano l’assunzione già due giorni prima dell’inizio delle mestruazioni cosicché la concentrazione di principio attivo nel sangue sia sufficiente quando comincia il ciclo. Gli antidolorifici sono disponibili, ad esempio, sotto forma di capsule, compresse, compresse rivestite con film o confetti in farmacia, in drogheria o bel commercio specializzato online. Le formulazioni a basso dosaggio sono disponibili senza ricetta.

Anche i contraccettivi ormonali possono alleviare i dolori mestruali: impedendo all’endometrio di ispessirsi come di consueto, fanno sì che questo tessuto produca meno prostaglandine. Di conseguenza, il sanguinamento mestruale è in genere più debole, più breve e meno doloroso. Se usati in modo continuo, portano a una cessazione delle mestruazioni.

Un’ulteriore opzione terapeutica è rappresentata dai medicamenti antispastici contenenti principi attivi che sciolgono i crampi della muscolatura liscia. Anche l’utero è costituito da muscolatura liscia. Questi medicamenti, pur non alleviando il dolore, possono essere associati agli antidolorifici.

Rimedi casalinghi e consigli

Per i dolori mestruali vi sono anche misure generali e rimedi casalinghi.

  • Introdurre con regolarità delle pause nella routine quotidiana e prendersela un po’ più con calma. Non si deve sempre andare al massimo ed essere efficienti come al solito quando si fanno sentire dolori e crampi all’addome. Cercare di rilassarsi un po’ di più ed evitare per quanto possibile di stressarsi. Se i disturbi mestruali danno il tormento, forse è meglio rimandare a un altro momento le attività faticose.
  • Rilassarsi ricorrendo ad alcune tecniche utili anche in caso di disturbi mestruali come ad esempio, il training autogeno, il rilassamento muscolare progressivo secondo Jacobson o lo yoga. Anche tipologie di movimento delicate come il Tali Chi e il Cigno possono aiutare. Molte tecniche di rilassamento includono esercizi di respirazione che aiutano anche a calmarsi.
  • Fare attività fisica: il movimento e lo sport migliorano la circolazione sanguigna, anche a livello della piccola pelvi, E aiutano a sciogliere i crampi. Una passeggiata a ritmo sostenuto all’aria aperta è un toccasana anche per l’umore. L’attività sportiva prima delle mestruazioni aiuta persino a prevenire in una certa misura i disturbi mestruali, perché l’organismo rilascia endorfine che hanno un effetto antidolorifico. Sono consigliati ad esempio sport di resistenza come jogging, ciclismo, nuoto, escursionismo o nordici walking, mentre sarebbero da evitare sport come la ginnastica, che richiedono molta forza, o gli sport di combattimento.
  • Il magnesio può attenuare l’intensità delle contrazioni dell’utero e quindi anche i dolori mestruali. È bene quindi seguire una dieta ricca di magnesio (ad es. semi e gherigli, prodotti integrali, cacao, cioccolato fondente). Anche gli integratori di magnesio possono essere utili. Sono disponibili senza ricetta sotto forma di compresse, compresse effervescenti, polvere o granulato in farmacia, in drogheria e nel commercio specializzato online.
  • Un rimedio casalingo comprovato contro i dolori, dal momento che rilassa i muscoli contratti, è il calore, apprezzato dalla maggior parte delle donne per il suo grande effetto lenitivo in caso di dolori mestruali e crampi addominali. Per le applicazioni di calore si possono usare una borsa dell’acqua calda o anche un cuscino di noccioli di ciliegia, da porre sopra la pancia, o fare una doccia calda o un bagno caldo. Ma attenzione! Attenzione alla temperatura dell’acqua! Se il bagno è troppo caldo, il sanguinamento mestruale potrebbe aumentare. Anche i cerotti auto riscaldanti e le cinture termiche possono dare sollievo.
  • Bere tisane: non soltanto riscaldano dall’interno, ma hanno anche un effetto antispastico. In questo caso sembra essere particolarmente efficace lo zenzero, ma anche la menta piperita o la melissa hanno effetti benefici.
  • Massaggiare delicatamente la pancia: compiere con le mani movimenti circolari in senso orario. Il massaggio rilassa, allenta i muscoli e scioglie i crampi. Risulta piacevole per la maggior parte delle donne.
  • Prestare attenzione all’alimentazione: deve essere il più sana possibile e a base di tanta frutta e verdura fresche che contengono molte vitamine e minerali di cui l’organismo ha bisogno tutti i giorni. Preferire cibi leggeri facilmente digeribili, ad esempio banane, zuppe di verdure o purè di patate ed evitare piuttosto pietanze pesanti e grasse e porzioni abbondanti che sovraccaricano l’intestino. E non solo: consumare preferibilmente piccole porzioni più volte al giorno.
  • Durante il ciclo sarebbe meglio evitare di consumare alcool e non fumare affatto.

Disturbi mestruali: quando rivolgersi al medico?

In ogni caso è bene «monitorare» i disturbi mestruali facendo attenzione a se cambiano e come. È sempre consigliabile andare dal ginecologo se i dolori mestruali aumentano, diventano molto forti o impediscono di vivere la quotidianità e anche qualora gli antidolorifici, i rimedi casalinghi e altre misure non abbiano l’effetto desiderato. I disturbi mestruali possono avere anche cause organiche, ad esempio l’endometriosi.

Anche questo potrebbe interessarli

ThermaCare per i dolori mestruali

Calore profondo contro i crampi

Dispositivo medico

Algifor-L Compresse filmate e granulato

Allevia la febbre e il mal di testa

Medicamento

Tutto sull'argomento Dolori

Bild Crampi ai polpacci: cosa fare?

22. maggio 2023

Crampi ai polpacci: cosa fare?

Sono in molti a soffrire di crampi muscolari (anche crampi notturni ai polpacci), soprattutto anziani, atleti e donne in gravidanza. Leggete...

Bild Homeoffice – quando occhi e schiena scioperano

01. marzo 2021

Homeoffice – quando occhi e schiena...

Il telelavoro comporta svariati problemi di salute, perché a differenza dell'ufficio, molte postazioni di lavoro tra le mura domestiche non...

Bild Colpo della strega e sciatica – Trattamenti per alleviare il dolore

05. agosto 2022

Colpo della strega e sciatica –...

Continui a leggere per scoprire come trattare i due disturbi: dal posizionamento graduale al calore fino ai medicamenti.

Bild Cosa aiuta il mal di schiena

29. aprile 2024

Cosa aiuta il mal di schiena

Il mal di schiena è molto comune, si presenta in forme diverse e può colpire chiunque.

Bild I dolori – fastidiosi ma utili?

02. settembre 2021

I dolori – fastidiosi ma utili?

Da lieve a insopportabile – i dolori possono avere una forte influenza sulla vita di tutti i giorni, eppure svolgono un ruolo importante....

Bild Sintomi di colpo della strega e sciatica

04. agosto 2022

Sintomi di colpo della strega e sciatica

Il colpo della strega e la sciatica hanno alcuni punti in comune, vale a dire un intenso mal di schiena, ma presentano anche delle...

Bild Mal di testa – quel ronzio nella testa

30. ottobre 2020

Mal di testa – quel ronzio nella testa

Il mal di testa o cefalea, di cui esistono più di 200 tipi diversi, è il dolore più frequente dopo il mal di schiena. Proseguite la...

Bild Mal di schiena: cause, consigli e «primo soccorso»

26. aprile 2023

Mal di schiena: cause, consigli e...

Chi nella vita non ha mai avuto il mal di schiena? Scoprite di seguito le cause della lombalgia e quali trattamenti e consigli aiutano in...

Bild Mal di schiena: un dolore dalle mille sfaccettature

12. maggio 2021

Mal di schiena: un dolore dalle mille...

Chi, una volta nella vita, non soffre di mal di schiena? I dolori alla schiena sono considerati un disturbo comune della civiltà moderna....

Bild Cosa è utile in caso di mal di testa? Rimedi casalinghi, consigli e medicamenti

20. marzo 2023

Cosa è utile in caso di mal di testa?...

Dai bambini agli anziani, chi non conosce il mal di testa? Scoprite di seguito quali possono essere le cause del mal di testa, cosa sono la...

Bild Artrite o artrosi? Quali differenze e cosa è utile conoscere!

10. ottobre 2022

Artrite o artrosi? Quali differenze e...

I dolori articolari sono segni tipici di artrosi o artrite, due condizioni molto diverse ma che presentano alcuni punti in comune....

Bild Indolenzimento muscolare: cosa è di aiuto contro il dolore?

22. febbraio 2024

Indolenzimento muscolare: cosa è di...

Un indolenzimento muscolare può scatenare dolore, anche forte. Leggete di seguito cosa fare per arginarlo!

Bild Cosa potete fare contro i dolori

14. maggio 2020

Cosa potete fare contro i dolori

Dolori articolari, dolori mestruali, mal di schiena o mal di testa e anche febbre – chiunque ha avuto questi sintomi almeno una volta...

Altri mondi della salute che potrebbero interessarvi.

Magnesio e vitamine

Capelli e unghie

Raffreddamento, Raffreddore & co.

Cosa ti interessa? Provate VERFORA da vicino.
Passo 1/3

Sani oggi - e non malati domani. Con VERFORA.

Sono interessato ai prodotti e alla salute

Vorrei lavorare con o a VERFORA

Scriveteci

Grazie mille, la vostra posta è stata spedita con successo!

Attenzione: state lasciando verfora.ch

State lasciando il sito di VERFORA AG per accedere a siti web esterni di terzi sui cui contenuti non abbiamo alcuna influenza. Pertanto, non possiamo assumerci alcuna responsabilità per questi contenuti esterni. Il rispettivo fornitore o gestore delle pagine è sempre responsabile del contenuto delle pagine collegate. Al momento del collegamento, non è stato identificato alcun contenuto illegale nelle pagine collegate.